Ma Yongfeng | forget art

Tag: Ma Yongfeng

25 八月
by An Xiao on August 24, 2012
from HYPERALLERGIC
“I want to feel the sun on my skin,” a slogan artist Ma Yongfeng pulled from conversations with workers at Bernard Controls Beijing.

……

LOS ANGELES — The image of the Chinese manufacturing plant is quickly becoming a 21st century icon of production, just as the car plants of Fordism were in the 20th century and Victorian coal mines were during the Industrial Revolution. They’re frequently portrayed as sites of high efficiency, but rarely as spaces for art, humanity and wonder.

……

In 2010, Beijing-based Italian artist Alessandro Rolandi staged a series of interventions in a Beijing factory run by Frenchman Guillaume Bernard. These well-received interventions have now become a curated series of invitationals to local artists.

……

“After several intense and spontaneous conversations about the nature of work, capitalism, human development, corporate structure, radical art, future and creativity,” Rolandi explained over email. “I designed a program that invites every two months one artist/designer/architect/musician to intervene in the factory in a subtle but radical way to stimulate discussion, raise questions and confront the reality of work with a different angle, straight on the field, without any mediation.”

……

Determined that should be predominantly experimental in nature, Rolandi still drew a strong connection to his goal of tying the work to labor: “We invented a definition using enterprise language to give legitimacy to the project and make it understandable (at least its general nature) to people working in companies,” he noted. And so the name of the project was born: Social Sensibility R&D Program, situated at Bernard Controls Asia.

……

The work has become embedded in the, well, work of the factory. Take Ma Yongfeng‘s series of spray painted slogans. “The owner now uses his sentence sprayed on the wall ‘INVEST IN CONTRADICTION’ as the first thing to be discussed in  job-interviews with new employees,” Rolandi points out. “Workers and managers had mixed feelings about the tags and felt all in need to discuss them.”

……

The stencils themselves are re-interpretations of Chinese propaganda, lifted from conversations with workers and reflective of the strict systems of control.

……

Rolandi also noted the effort of Lulu Li to provide ambient music for workers. “Even in Europe in most factories, listening to music is now forbidden for various reasons, from safety to concentration, and here we tried with these small devices and rhytmic compositions from classical to experimental to noise (avoiding words, as they are proved to affect concentration),” he says. After a series of negotiations with floor managers, Li and Rolandi agreed to only play music on Fridays, at least for the moment.

……

There’s a tension to the idea that the artists, at the behest of top brass, can move around freely and explore interventions, while the workers themselves must remain in optimal flow under the strict rules enforced and determined by the very same management. The artists of the Social Sensibility R&D Program are not oblivious to this.

……

“Our interventions must be conceived in order to interact with the physicality of the area and with the conceptual codification of the signs and of the different working sections,” Rolandi said. “Timing is also very important as precise schedules define the rhythm and the flows. ”

……

Beijing-based art critic Edward Sanderson, who visited the plant, had this to say about the space in a terrific review in Artslant:

This particular factory is unlike the cliché of a Chinese factory: you won’t find thousands of workers performing mundane and repetitive tasks over long conveyor belts in an airless hanger. This factory is relatively small, with about a hundred staff, of whom only twenty to thirty actually work on assembling the product. The work areas are also relatively discrete in terms of their interior design. Rolandi says it’s not an environment where you feel you have no way out, where everything is under surveillance. But at the same time, “No matter how you look at it, it’s still a factory.”

Sanderson goes on to explore Rolandi’s own initiation into the workers’ lives by undergoing the training procedures and entering the world of high-efficiency production, as well as some of the questions he wrestled with. It calls to mind some of the work done by Cao Fei with factory workers in southern China, where the majority of the manufacturing sector is concentrated. Her PRD Anti-Heroes and Whose Utopia project looked at types of similar work.

……

Unlike Sanderson, I’ve not seen the interventions in person, so I can’t comment on their merits per se. But seeing the videos and speaking with the artists, I find that what makes Social Sensibility interesting is Rolandi’s choice to invite artists to stage interventions in two-month phases. The in and out of the artists over time reflects the rhythms of factory life, and the diversity of perspectives allows for a certain freshness to each intervention.

……

The turnover of the creative people,” said Rolandi, “is designed to provide a constant tension around the next new ‘intruder’, his proposal and the way it will be received and dealt with, and prevent habit and comfort to settle in.”

……

The Social Sensibility R&D Program is an ongoing project at Bernard Controls Beijing (A2-1, Lidaxing Industrial Zone, No.15, Fourth JingHai Road, Economic & Technological Development Area, Beijing).



6 七月

di Gian Paolo Faella

……

http://www.euroalter.com/IT/2012/seduti-sui-cuscini-tra-europa-e-cina/


Foto di Ruben Mir

……

Due diversi tipi di curiosità sono protagonisti del dibattito che si svolge all’Atelier Sì, a Bologna, venerdì 11 maggio, sugli spazi dell’arte tra Europa e Cina, con la partecipazione di artisti e curatori italiani e cinesi. La curiosità ingenua del semplice incontro, forse non dissimile da quella che rese un giorno il Milione un best-seller, e una più ficcante e più avida, se non di risposte, di squarci sui grandi punti interrogativi che campeggiano in chi, specificamente, ha a cuore l’arte in un mondo che cambia. Un dibattito per pochi, sì, ma non per intimi, capace, cioè, di attrarre curiosi, intellettuali, forze vive della città che accoglie per alcuni giorni Ma Yongfeng, Ni Kun, You Mi, Zhou Xiaohu, Chen Xiaoying, Shen Boliang, nell’ambito delle iniziative del Transeuropa Festival.

……

Così quando, con la benedizione della padrona di casa Fiorenza Menni, Luigi Galimberti pone agli artisti ospiti del Transeuropa Festival i suoi quesiti su quali siano in Cina gli spazi di produzione dell’arte, su come i curatori gestiscano lo spazio, sul rapporto che lì trapela tra pubblico e privato, si ha dapprima l’impressione di essere in un luogo di discussione per certi aspetti persino convenzionale, professionale, educato. Ma è il pubblico a irrompere: che cos’è lì l’arte, che cosa fate voi “artisti”, in sostanza? Così scopriamo che gli interlocutori del Sol Levante sono fondamentalmente degli intellettuali, anche se non è questa, forse, la parola a cui pensano. Ma Yongfeng va nelle fabbriche e propone il suo onirico piano industriale dipingendo dentro i capannoni e cantandole al bieco capitalismo a suon di vernice: Invest in contradiction. Scrive per chi lavora, raccontandone la quotidianità, proprio nei luoghi della sua fatica, della sua condanna, della sua resurrezione. Sensibility is under control, dipinge a caratteri cubitali in un deposito di materie prime o di semilavorati. Autocostituitosi autorità, cioè, ammonisce il padrone, il manager, il proprietario, facendo finta di parlare con quegli altri, gli operai: arte anche lì è soprattutto una grande finzione. Ni Kun, dal canto suo, costruisce un collettivo di artisti nelle campagne attorno a Chongqing, e lì intervista i contadini, proprio come un sociologo nell’Italia degli anni ’50. Lo scopo di queste attività non è di pubblicare – ci racconta – ma migliorare la vita delle persone. Un manierista, forse un alchimista, egli dunque non pubblica ciò che sa, anzi: egli conosce proprio perché non rende pubblico ciò che conosce. Questa è arte, signori: mostrare facendo.

……

E ancora molte domande, e sullo sfondo naturalmente la politica, e il gusto, in fondo così europeo, di dare risposte più impertinenti delle domande stesse. Chi finanzia l’arte, in Cina? Non c’è bisogno di soldi per fare arte. Che differenze culturali ci sono nella concezione dell’arte tra Europa e Cina? Non ci sono differenze culturali, ci sono soprattutto differenze politiche, differenze di opinioni politiche; proprio per questo è positivo incontrarci, tuona You Mi, probabilmente la più realista del gruppo.

……

E ancora, che cos’è un collettivo di artisti? Il collettivo è in Cina una pratica di resistenza come la intendiamo noi, con esperienze come Macao o il Teatro Valle? Sì e no. Forse, è difficile dirlo, il background è molto diverso. L’artista è principalmente un curatore.Certo, e se è per questo l’autore è come tale un editore, così come il politico è come tale principalmente un moderatore. La terra della Grande Moderazione, con i suoi lunghi, e soprattutto lenti fiumi, sembra volerci insegnare molto, ribattere colpo su colpo, e, senza alcuna difficoltà, stupirci.

……

Abbiamo soprattutto progetti di lungo periodo. E perché? Perché le grandi trasformazioni che sta vivendo la Cina richiedono, per comprenderle, una immaginazione che guardi più avanti. C’è un rapporto – chiede ancora Elvira Vannini – tra le pratiche di ricerca alternative e il mercato dell’arte e, più in generale, con il sistema dell’arte? Non esiste un sistema dell’arte, in Cina, ma tanti micro-sistemi diversi.

……

La Cina dunque non produce solo beni di consumo, e magari anche di bassa qualità, ma anche cultura, molta cultura, questo è il messaggio principale che ricaviamo dall’incontro. E per chi non lo sapesse, forse questa è già una notizia. Più che altro, nella giornata dell’11 maggio e non solo, prima ancora che produrre arte sembra produrre molta filosofia. Quella capacità, cioè, di dare risposte inaspettate, e di trasformare il mondo solo in quanto si osa prima tentare di comprenderlo. Gli spazi dell’arte, nelle parole che emergono più spesso, sembrano essere soprattutto spazi di riflessione, più che di lotta. Tuttavia appare estremamente difficile capire se ci sia una reale distinzione tra le due cose. Sia tra le città immense e caotiche, sia tra le infinite e povere campagne di quella terra che, paurosi, vorremmo ma spesso non riusciamo a conoscere, siamo portati a immaginare pochi, selezionati, spazi ampi per la civilizzazione e per il libero pensiero. Spazi per gli incontri, per offrire a chi passa solo per pochi giorni la propria verdura, per farsi consigliare un libro e rinforzare legami diversi dai semplici legami familiari e tradizionali. “Gli spazi dell’arte”, come li hanno chiamati gli organizzatori del singolare incontro. Forse, qui da noi, ci permetteremo di continuare a chiamarli anche spazi della politica. “Qui posso e non voglio, lì voglio e non posso, misero, manchevole, in entrambi i luoghi”, scriveva un tizio considerato molto europeo, se non che di fatto era africano, chiamato Agostino. Eppure noi europei, mai come oggi “miseri”, soprattutto di spirito, in Cina vogliamo e dobbiamo andare. Con la mente, con gli occhi, se non altro. Seduti su rossi cuscini dialoghiamo così per alcune ore, tra le corde che, attaccate ai muri, costituiscono la scenografia che più caratterizza quel teatro. Sotto quelle corde nessuna tensione, e soprattutto nessuna contrapposizione, ma solo il gusto perverso di riformulare le parole che riteniamo le più indicate a nominare le nostre passioni. L’appuntamento tra artisti e appassionati di arte, tra Europa e Cina, è per un prossimo incontro. Il dialogo – e non può che essere così – continua.


21 五月
***
A causa del lutto cittadino, la performance di Ma Yongfeng, prevista per le 10 di domattina in piazza Re Enzo, è rinviata alle ore 16 di sabato 12 maggio in piazza Verdi, nel contesto della manifestazione “Occupy Parade” parte delle giornate di mobilitazione internazionale 12M. Speriamo comunque di avervi partecipi!
……

EA Bologna
***

Performance dell’artista cinese Ma Yongfeng, ideata in dialogo con lo spazio pubblico di Bologna.

……

La performance di Ma Yongfeng mira a coinvolgere il pubblico in un intervento che vuole scalfire alcune tensioni proprie della nostra società e, quindi, a osservare quali energie creative ne possano scaturire. Alle 10 del mattino di sabato 12 maggio, in piazza Re Enzo a Bologna, un gruppo di giovani volontari sarà chiamato a prendere parte alla prima performance pubblica in Italia di Ma Yongfeng.

…….

Un centinaio di bandiere italiane e cinesi, di cartoni, di poster e di vernici in bombolette spray saranno gli strumenti per un travolgente intervento artistico nel più centrale spazio pubblico di Bologna.

…….

L’iniziativa, curata da Lugi Galimberti Faussone e organizzata da European Alternatives, fa parte del Transeuropa Festival, il primo festival transnazionale di cultura, arte e politica che si svolge contemporaneamente in 14 città europee. A Bologna il Festival può contare sul patrocinio del Comune di Bologna e fa parte della rassegna European Days, promossa da Comune di Bologna e Regione Emilia Romagna. Programma completo su www.transeuropafestival.eu

……

Ma Yongfeng è artista concettuale e performer, e l’animatore del collettivo artistico Forget Art di Beijing, che si concentra su strategie interventiste e situazioniste. Egli è artista dei new media e le sue opere sono state esposte diffusamente in Europa, negli USA e in Cina. Recentemente ha partecipato alla mostra “The Thirteen: Chinese Video Now” presso il MoMA PS1 di New York.